Ricevi assistenza:info@turismocampano.it

Dal nostro diario

fiano di avellino

Fiano di Avellino DOCG

Descrizione

Colore: giallo paglierino più o meno intenso

Odore: intenso, gradevole, caratteristico

Sapore secco, armonico

Titolo alcolometrico minimo: 11,5%

Vitigni: fiano (min.85%) e greco, coda di volpe bianca e trebbiano toscano presenti nei vigneti, da soli o congiuntamente, fino ad un massimo del 15%

Abbinamenti: perfetto come aperitivo, trova ottimi accostamenti con i più raffinati piatti a base di pesce. Si degusta ad una temperatura di 8°-10°

Zona di produzione

La zona di produzione delle uve destinate alla produzione del vino a Denominazione di Origine Controllata e Garantita “Fiano di Avellino” comprende l’intero territorio amministrativo dei seguenti comuni della provincia di Avellino: Avellino, Lapio, Atripalda, Cesinali, Aiello del Sabato, S. Stefano del Sole, Sorbo Serpico, Salza Irpina, Parolise, S. Potito Ultra, Candida, Manocalzati, Pratola Serra, Montefredane, Grottolella, Capriglia Irpina, S. Angelo a Scala, Summonte, Mercogliano, Forino, Contrada, Monteforte Irpino, Ospedaletto D’Alpinolo, Montefalcione, Santa Lucia di Serino e San Michele di Serino.

Disciplinare

Disciplinare Fiano di Avellino

  • Approvato DOC con DPR 27.04.1978 G.U. 241 – 29.08.1978
  • Approvato DOCG con DM 18.07.2003 G.U. 180 – 05.08.2003
  • Modificato con DM 30.11.2011 G.U. 295 – 20.12.2011
  • Modificato con DM 07.03.2014

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi la nostra privacy e cookie policy

Chiudi