fbpx
0
Escursione ai Campi Flegrei

Avete in programma di visitare i Campi Flegrei?

In questo articolo, abbiamo deciso di parlarvi delle escursioni offerte dalle guide turistiche. Alcune sono molto diverse tra loro: potrete addentrarvi nella baia o nella profondità della terra, o, ancora, assistere a dei fenomeni attivi nei dintorni della Solfatara.

Di seguito, vi riportiamo i cinque itinerari più importanti e organizzati dei Campi Flegrei: alcuni hanno la durata di un giorno, mentre altri prevedono solo mezza giornata.

Le escursioni che potrete fare ai Campi Flegrei

  • Baia: dura una giornata. Qui avrete l’occasione di esplorare parte del territorio e del mare. Questa baia fu una delle località più importanti durante l’epoca romana. Era frequentata dai patrizi e dai più fidati collaboratori degli imperatori, tra cui citiamo Nerone e Domiziano. La guida vi mostrerà il Parco Archeologico, il Museo dei Campi Flegrei. Il punto finale della visita vi condurrà attraverso l’antica Baia Sommersa. L’itinerario è libero, mentre è previsto un pagamento per l’ingresso ai siti;
  • Discesa agli inferi: dura una giornata. è da sempre nota l’appartenenza dei Campi Flegrei agli inferi: infatti, pare che i Campi siano uno dei pochi accessi presenti al mondo all’Inferno. Questo itinerario vi farà sentire il protagonista della Divina Commedia: sarete trasportati tra l’Ade e l’Averno. È prevista la visita sottomarina al Parco Sommerso di Baia, oltre alla discesa nella Piscina Mirabilis, che si trova nei sotterranei. Quest’ultima alimentava i palazzi imperiali e serviva alla flotta romana di Miseno. Come nel precedente, l’itinerario è libero, ma è previsto un piccolo prezzo per i siti di interesse;

Vi avvicinerete a una delle entrate dell’Inferno

  • Le radici e la storia: il terzo itinerario ha una durata di mezza giornata. Questo percorso è particolarmente indicato per chi vuole studiare la storia e l’origine del Campi Flegrei. Saranno affrontati i temi come la sua conformazione, l’origine e molto altro. Potrete dare uno sguardo sugli aspetti naturalistici e al contempo visitare alcuni dei luoghi più importanti del sito. Tra le fermate previste dalla guida turistica, possiamo trovare i monumenti del Rione Terra, l’Antica Acropoli di Pozzuoli, la Solfatara. Quest’ultima è particolarmente affascinante, perché permette di conoscere l’attività vulcanica del sottosuolo. Se sarete particolarmente fortunati, assisterete a un fenomeno attivo;
  • Promontori: l’itinerario ha la durata di un giorno. Sarete scortati attraverso gli scorsi più belli dei Campi Flegrei, tra le colline, i monumenti storici e antichi e le ex colonie greche, tra cui Cuma e Dicearchia. Alla fine del percorso, visiterete anche il Castello Aragone della Baia, che si è vestito da Museo Archeologico. Al suo interno sono presenti numerosi fossili attraverso i quali potrete comprendere la storia dei Campi. Un itinerario imperdibile;
  • Puteoli: anche in questo caso, sarete impegnati tutto il giorno. L’ultimo percorso che vi consigliamo ci racconta dell’antica Puteoli. Quest’ultima era il porto di Roma durante l’epoca romana. La giornata sarà all’insegna della storia e dello studio dei fenomeni vulcanici del territorio. Serapeo, Anfiteatro Flavio, Rione Terra, Antica Acropoli, Solfatara… potrete farvi affascinare dai Campi Flegrei e comprendere pienamente la loro storia. È uno degli itinerari più completi.
0
Itinerari nel Parco di Roccamonfina: Il Sentiero degli Antichi Mulini.

Tanti sono i luoghi e i sentieri a piedi da scoprire nel Parco Regionale di Roccamonfina, come il Sentiero degli Antichi Mulini.

Le Caratteristiche

Quota inizio sentiero: 488 mt

Quota fine sentiero: 570 mt

Lunghezza itinerario: 6 km

Difficoltà: medio-facile

Dislivello: 80 mt

Tempo di percorrenza: 3 h

Flora: castagno, grande cerro, primula, erica arborea, verbasco

Fauna: nibbio, bruno, gufo, cuculo, upupa, riccio, ghiro, lepre, tasso

Comuni interessati: Roccamonfina

L’itinerario

Il sentiero degli antichi Mulini è uno dei più antichi collegamenti tra il vulcano di Roccamonfina e la città di Teano. Deve il suo nome ai mulini eretti sulle sponde del fiume Savone, tra le frazioni di Torano e Garofali, attraverso cui si snoda il percorso. Il cammino inizia dal centro abitato di Torano, in prossimità  di un antico lavatoio che racchiude una sorgente d’acqua purissima, a pochi metri da un’antica ed elegante chiesa dedicata al culto di S. Giovanni. Da qui si imbocca una stradina in terra battuta, ci si allontana dal centro abitato e si giunge al punto di inizio del sentiero, da dove il fiume Savone traccia il suo percorso tra banchi di tufo litoide.

L’importanza storica e paesaggistica del fiume Savone è unica: l’intero tratto sino al territorio di Francolise è, infatti, caratterizzato dalla presenza di antichi mulini. Il mulino a monte, più recente, conserva intatta una macina francese di fine Ottocento, quello a valle, risalente, al XVIII secolo, grazie ad un’apposita e più antica macina, probabilmente era usato per la frantumazione del granturco. I mulini erano alimentati dalle acque del Rivo attraverso un particolare collegamento in serie. Suggestive anche le antiche “ferriere borboniche”.

Foto di famigliaingamba.it

0
Affittacamere La Casa di Ninna ad Ariano Irpino Avellino

Per il tuo soggiorno di uno o più giorni per qualsiasi esigenza, di svago o di lavoro puoi affidarti alla Casa di Ninna.

…immerso nel verde della campagna irpina tra uliveti e frutteti a pochissimi minuti dal Centro di Ariano Irpino e vicino a tutti i principali servizi (ufficio postale, banche, supermercato, ecc.), la Casa di Ninna di nuovissima costruzione è dotato di tutti i confort per garantire un soggiorno all’insegna del relax..

La struttura dispone di camere attrezzate per tutte le esigenze: matrimoniali, singole e triple, una spendida cucina con sala da pranzo e tanto spazio tra balconi e terrazze per garantire un soggiorno in pieno relax e due mini appartamento arredati e dotati di cucina autonoma.

Orari di Apertura
aperto dalle ore 8.00 – 22.00

0
Fattoria agrisportiva Oasi Masseria Sant’Elia – eco agriturismo –

Benvenuti all’Oasi Masseria Sant’Elia ( eco agriturismo)
La Masseria Sant’Elia è ubicata nel cuore della Campania interna, residenza d’epoca del XVII sec costruita in pietra locale naturale, si estende su un’area di elevata valenza naturalistica-archeologica (sito d’interesse comunitario) rappresenta la scelta perfetta per tutti quelli che vogliono vivere un’esperienza al tempo stesso rilassante e rigenerante, a contatto con la Natura, gustando alimenti buoni e sani provenienti da allevamenti locali e da agricoltura metodo biologico. E’ iscritta nell’albo degli agriturismi della Regione Campania e all’albo nazionale della -Fondazione Campagna Amica al Mr. AGTAVCMP011-) – Fattoria agro sportiva – Pratica sportiva e cibi genuini: un connubio possibile presso la fattoria – L’agriturismo si evolve nasce infatti la fattoria sportiva che coniuga il benessere derivante dallo sport con il piacere del palato; posto tappa trekking (affiliato UISP lega montagna e Albergabici ( FIAB), Percorsi trekking a piedi, con MtB, quad e a cavallo, fornendo assistenza, cartine del territorio, consigli sui percorsi – Pernotto/ristorazione/degustazioni e tempo libero. Siamo sul tracciato del Tratturo Pescasseroli-Candela e della via Micaelica (Via Francigena del sud) al posto tappa nr.11-16 da Roma-Benevento a Brindisi .La via dei pellegrini diretti sul Gargano verso l’Arcangelo Michele e Brindisi verso l’imbarco per la terra Santa,dando assistenza,ristoro, pernotto e informazioni ai pellegrini in transito.

– La nostra filosofia: offrire un soggiorno eco-compatibile, la massima disponibilità a far conoscere al meglio luoghi e cultura del nostro territorio, i suoi sapori particolari il tutto condito con la nostra cortesia.