fbpx
Home > Esplorare > Diario > Napoli > La pizza napoletana

La pizza napoletana

la pizza napoletana

Tutti la amano e tutti la vogliono almeno una volta a settimana. Di cosa stiamo parlando? Della famosa pizza napoletana, ovviamente (leggi il precedente articolo). La pizza è il cibo che mette d’accordo tutti, ma proprio tutti: l’Italia intera deve moltissimo a Napoli per avere inventato questa prelibatezza.

E non solo l’Italia! La pizza è probabilmente il piatto più preparato in tutto il mondo: dalle Hawaii fino al Bangladesh possiamo sentire parlare di lei. È talmente famosa che, quando ci capita di andare in terra straniera, la prima associazione con l’Italia è proprio lei, la signora Pizza.

La pizza fa parte del Patrimonio Immateriale dell’Umanità

Su scala mondiale, il solo sentirla nominare genera languorini e un desiderio irrefrenabile. La pizza non è soltanto un cibo, ma l’Arte dei Pizzaiuoli Napoletani è stata dichiarata recentemente, nel 2017, Patrimonio Immateriale dell’Umanità dall’UNESCO.

Insomma, la pizza è stato l’unico cibo al mondo a ricevere questa onorificenza, probabilmente la più alta che si possa mai ricevere.

Ma come nasce la pizza? Da dove parte la sua storia?

Attorno a lei, dopotutto, ruotano molte leggende: ancora oggi, la sua origine è oggetto di molti dibattiti tra gli storici. Per certo, si sa che la pizza e le pizzerie fanno la loro comparsa a Napoli nel corso del XVIII secolo. Dal XX secolo, diventa un fenomeno esteso anche oltre la città napoletana.

Le prime due pizze inventate al mondo: Marinara e Margherita

Al giorno d’occhi, è impossibile quantificare le pizzerie presenti in tutto il mondo.

Sono due le pizze considerate “classiche”, ovvero le prime mai inventate e sfornate:

  • Pizza Margherita: è condita con pomodoro San Marzano, mozzarella di bufala a cubetti o mozzarella STG o Fior di Latte, una fogliolina di basilico e olio extravergine di oliva a crudo;
  • Pizza Marinara: viene preparata con pomodoro San Marzano, origano, aglio e olio extravergine di oliva a crudo.

Ovviamente, nel corso degli anni, sono state inventate moltissime pizze: ultimamente, a Napoli va molto quella con le polpettine fritte, un cibo tipico della cucina regionale napoletana.

Le varianti della pizza, inoltre, sono molteplici:

  • Pizza a portafoglio: venne inventata sul momento, dalla pizzeria Il Presidente, dove fu servita la prima pizza a portafoglio della storia proprio al Presidente Clinton;
  • Pizza fritta: ne esistono di ben due tipi. Una prevede la pizza tonda fritta e con l’aggiunta di pomodorino fresco tagliato fine e fiocchi di mozzarella. La seconda variante prevede una pizza a portafoglio fritta nell’olio caldo.

A quale data si fa risalire la nascita della pizza? Un po’ di storia

La storia riguardo alla nascita della pizza è abbastanza condita di particolari, un po’ come lei.

  • Pizza Marinara: si fa risalire al 1743;
  • Pizza Margherita: potrebbe essere nata nell’intervallo di tempo tra gli anni 1796 e gli anni 1810.

Tendenzialmente, si crede che la pizza sia nata nel giugno del 1889; il cuoco Raffaele Esposito preparò la pizza per la Regina d’Italia Margherita di Savoia. Il condimento doveva rappresentare la bandiera italiana, pertanto scelse il pomodoro, la mozzarella e il basilico e la chiamò Margherita in suo onore.

Scopri tutte le pizzerie in Campania Pizzerie ad Avellino Pizzerie a Benevento Pizzerie a Caserta Pizzerie a Napoli Pizzerie a Salerno

Altri articoli interessanti