fbpx
Home > Diario > Napoli > Il Duomo di Napoli

Il Duomo di Napoli

 

Avete in programma un viaggio a Napoli? Questa città offre numerosi punti culturali e patrimoni artistici degni di nota. In questo articolo, approfondiremo maggiormente il Duomo di Napoli e perché è così famoso nel mondo.

Leggendo un po’ di trattati storici, possiamo renderci conto dell’antichità del sito storico: probabilmente, l’edificazione del Duomo si ebbe durante il regno del fondatore della dinastia angioina, ovvero Carlo I.

A essere completamente sinceri e pignoli, dobbiamo aggiungere che l’edificazione completa del Duomo avvenne in seguito. Inoltre, alcuni punti, come le cappelle e alcune parti antiche della chiesa, c’erano precedentemente.

Correva l’anno 1314 quando il Duomo fu consacrato all’Assunta.

Storia del Duomo di Napoli

Non dobbiamo stupirci scoprendo che il Duomo di Napoli, in passato, fosse sede di numerosi templi pagani. Molte chiese sono state ricostruite nel corso delle varie epoche storiche.

Inoltre, il Duomo è stato ricostruito e riedificato più volte, per colpa dei saccheggi, delle guerre e dei cataclismi naturali. Il terremoto del 1349, per esempio, fece crollare l’intera facciata della cattedrale, che risaliva all’età angioina.

Riguardo alla facciata, possiamo dire che la sua altezza è di circa 50 metri. Possiamo ammirare tre portali, di cui uno viene aperto solamente in occasione dei festeggiamenti di San Gennaro.

All’interno della chiesa, sono presenti numerosi dipinti di Luca Giordano. Oltre a queste magnificenze, aggiungiamo che all’interno della cattedrale è possibile scoprire una basilica paleocristiana, una testimonianza importantissima. La Basilica è di Santa Restituita e vi sono tracce della storia greco-romana di Napoli.

La Cripta di San Gennaro, il patrono di Napoli

Sotto l’altare maggiore, è collocata la cripta del Santo Patrono di Napoli. Al suo interno, riposano le Sacre Reliquie di San Gennaro. È uno dei punti di maggiore interesse e aggregazione all’interno della cattedrale.

San Gennaro è una figura devotissima a Napoli e i napoletani lo omaggiano con la loro totale e cieca fede. È un luogo in cui si avverte una forte spiritualità e la bellezza tipica religiosa. Sicuramente, vi consigliamo di entrare e di rivolgere una preghiera al Santo.

Tutte le informazioni che vi serve sapere: info, costi e orari di apertura

  • L’orario di apertura del Duomo di Napoli: dal lunedì al sabato: dalle 8.30 fino alle 12.30. Dopodiché riapre nel pomeriggio dalle 16.30 fino alle 19.00. Per quanto riguarda la domenica, gli orari sono i seguenti: dalle 8.00 fino alle 13.00 e dalle 17.00 fino alle 19.30.
  • Gli orari in cui potrete visitare gli scavi sono i seguenti: dal lunedì al sabato dalle 8.00 fino alle 12.30. Riaprono alla visita dalle 16.30 fino alle 19.00. Alla domenica, invece, gli orari sono dalle 8.00 fino alle 13.30 e dalle 17.00 fino alle 19.30.
  • Il prezzo del biglietto per gli scavi si attesta sui 2.58 euro per l’interno, mentre 1.55 euro per il ridotto.
  • Il numero di telefono è: 081 42 16 09 / 081 44 90 97 / 081 29 47 64.
  • L’indirizzo del Duomo è Via Duomo, 149, Napoli. Potrete prendere la Linea Metro L1, la stazione Cavour o l’autobus 202 o R2 per arrivarci.

Altri articoli interessanti