fbpx
Home > Diario > Salerno > Il Cilento: cosa fare e cosa vedere

Il Cilento: cosa fare e cosa vedere

 

Il Cilento è apprezzato soprattutto perché non ha subito una forte influenza turistica. Qui è possibile ritrovarsi di fronte a un territorio incontaminato, di cui è possibile apprezzare l’aria fresca, la radura e la distesa di verde. Il suo valore è inestimabile: l’ambientazione paesaggistica rapisce il fiato e porta nel cuore di molti la pace.

Le meraviglie del Cilento: che cosa offre questa terra

Qui non è possibile trovare alcun traffico intenso, o smog. Nel Cilento, regna il silenzio, la tranquillità ed è un posto meraviglioso da visitare. Quando cala la notte, il cielo del Cilento è vestito di stelle: dimenticate la nebbia e l’inquinamento atmosferico.

Ci sono molte tradizioni legate a questa terra: dalle religiose alle folkoristiche, il Cilento è una parte talmente viva della Campania da reggersi in piedi da sola. Inoltre, una curiosità lega la terra alla famosa dieta mediterranea: è qui che quest’ultima trova la sua origine, precisamente a Pioppi.

Dobbiamo molto a questo spettacolare pezzo di mondo. Per esempio, le produzioni biologiche presenti sul territorio sono tra le eccellenze italiane in tutto il mondo: l’olio, il grano e i legumi fra tutti.

Nel Cilento è nata la dieta mediterranea: qui l’olio è il migliore

Ovviamente, se siete arrivati fin qui, siete curiosi di sapere quali sono i posti che dovrebbero essere visitati. È davvero difficile sceglierne solo alcuni per la nostra guida, perché il Cilento meriterebbe una visita di almeno dieci giorni. E, poi, l’aria che si respira qui è talmente pura da risanare qualsiasi paturnia.

  • Oasi Fiume Alento: un’area spettacolare, immersa nel verde della radura, dove sono presenti il fiume, un lago artificiale, moltissime aree attrezzate, tanti ristoranti in cui fermarsi ad apprezzare le specialità locali. Inoltre, per i più piccoli, c’è un parco giochi. Si prevedono un sacco di attività sportive, tra cui la pesca: qui assisterete a un patrimonio di biodiversità davvero raro;
  • Paestum: l’UNESCO l’ha reso patrimonio dell’umanità. Dopotutto, come non avrebbe potuto essere altrimenti? Qui troviamo tre templi dorici. Ci sono il Foro, l’Agorà e l’Anfiteatro dell’Antica Poseidonia. È presente un Museo Archeologico che contiene al suo interno dei pezzi unici: per esempio, la Tomba del Tuffatore;

Le aree archeologiche presenti nel Cilento sono tra le più celebri al mondo

  • Ascea e Velia: il Cilento è la patria delle aree archeologiche e non possiamo proprio esimerci dal citare questa spettacolare cittadina. Al suo interno, sono presenti tantissimi luoghi di interesse, come il Porto Rosa, la Porta Marina, le Terme Ellenistiche, le Terme Romane… e ancora, potrete visitare l’Acropoli e il quartiere meridionale, oltre che quello arcaico;
  • Castellabate: è probabilmente uno dei punti più belli e conosciuti del Cilento. La sua popolarità si deve un po’ anche al film Benvenuti al Sud. Qui potrete visitare le splendidi case colorate in riva al mare, guardare le acque adagiarsi sui ciottoli… il centro storico è davvero pittoresco, unico nel suo genere. Davvero una meta imperdibile.

Dopotutto, vi avevamo avvisati a inizio articolo: per visitare e vivere la magia del Cilento, non basta soltanto qualche ora scarsa o una giornata…

Altri articoli interessanti