fbpx
Home > Diario > Benevento > Cosa visitare a Benevento

Cosa visitare a Benevento

 

Riguardo alla città di Benevento c’è molto da dire. Questa località ha una storia molto importante per la Campania e l’Italia. Benevento è stata sede di numerose battaglie, ha visto il succedersi di moltissimi popoli, e ognuno di loro ha lasciato traccia in quella che è una vera e propria città d’arte.

Anticamente, Benevento era conosciuta con il termine di Maleventum, ovvero cattivo tempo. Erano stati i Romani ad affibbiare questo nome alla città, dopo la sconfitta a opera dei Sanniti, che per molto hanno abitato nella provincia.

Benevento: ecco un po’ della sua storia

Un altro dei motivi per cui Benevento è tanto nota è perché è da sempre considerata come la Città delle Streghe. Qui si sono svolti nei tempi bui numerosi processi alle streghe; si mormora tutt’oggi che quest’ultime si ritrovino nei pressi di un albero alle porte della città.

Oltre alle leggende metropolitane e alla storia, Benevento offre davvero moltissime attrattive storie e culturali. Il suo patrimonio artistico è rinomato e apprezzato dai turisti. Se state leggendo questo articolo, tuttavia vi starete chiedendo quali sono i posti da visitare in città, ovvero cosa non lasciarsi sfuggire.

Noi vi consigliamo di iniziare dal centro storico, dove si snoda la storia principale di questa città. Il primo posto da visitare è certamente l’immancabile Duomo, la cui costruzione si fa risalire al XII secolo. Pensate che durante i bombardamenti del 1943, è stato distrutto.

Il Duomo: uno dei punti più interessanti della città

Un altro punto di interesse è il Campanile: quest’ultimo è stato costruito intorno al 1279. Oltre a questo, potete inoltre dirigervi al Museo Diocesano: qui ci sono i frammenti della porta centrale del Duomo che sono andati distrutti durante la Seconda Guerra Mondiale. Nei frammenti viene raffigurata la vita di Cristo.

Sempre all’interno del Duomo, è possibile visitare la Cripta: al suo interno ci sono degli affreschi davvero stupendi.

Impossibile da non citare è inoltre la Biblioteca Capitolare, che contiene pergamene, antifonari e codici medievali.

Parlando di Benevento, è d’obbligo citare il Teatro Romano, la cui costruzione è stata richiesta dall’Imperatore Adriano. È ben conservato ed è sede di numerosi eventi artistici e culturali. È presente, di origine romana, anche l’Arco di Traiano: quest’ultimo è stato eretto per festeggiare il prolungamento della Via Appia, che collegava Benevento e Brindisi.

Ecco cosa c’è da vedere a Benevento

Altri imperdibili luoghi di interesse sono i seguenti:

  • Chiesa di Santa Sofia: è stata un’antica abbazia benedettina. Sono stati i longobardi a contribuire alla sua formazione. All’interno, ci sono moltissimi affreschi che risalgono al VIII secolo;
  • Museo del Sannio: poco vicino alla Chiesa di Santa Sofia, è stato aperto nel 1873. Il suo compito era di raccogliere ogni testimonianza del passaggio dei Sanniti.

Benevento non è soltanto storia e cultura. La città si apre ai propri turisti anche dal punto di vista notturno. È possibile lasciarsi conquistare dalle trattorie o dalle discoteche che aprono alla sera per permettere a chiunque di rilassarsi.

È ottima anche la via dello shopping, ovvero la principale della città.

Altri articoli interessanti