fbpx
Home > Diario > Napoli > Cosa mangiare a Napoli

Cosa mangiare a Napoli

cosa mangiare a Napoli - pizza napoletana
 

C’è un famoso detto: vedi Napoli e poi muori. Be’, la bellezza della città è indiscutibile: Napoli vanta una storia talmente potente e gloriosa da echeggiare in tutto il mondo. Il suo patrimonio artistico e culturale è importantissimo, ma vogliamo citare la splendida cucina napoletana?

Come dimenticarci di lei? A Napoli, infatti, è nato il cibo probabilmente più famoso in tutto il mondo: la pizza. In ogni angolo remoto della nostra Terra, potrete trovare un rivenditore di pizza, dopotutto.

I piatti più famosi della tradizione culinaria napoletana

Certo, non è lontanamente buona come quella preparata dai pizzaioli napoletani, ma la fama della pizza si è sparsa in tutto il mondo, da subito.

Se vi trovate a Napoli, dovete sapere che non c’è soltanto lei ad aspettare il vostro stomaco! Le eccellenze napoletane sono tra le migliori al mondo: pastiera, babà, mozzarella di bufala, questo è solo un antipasto di ciò che potreste trovare in questa meravigliosa città.

Avete già l’acquolina in bocca?

Il percorso gastronomico definitivo

Ecco il percorso gastronomico che ogni turista dovrebbe fare quando è in visita a Napoli:

  • Pizza: be’, non potevamo non metterla al primo posto. La pizza è stata inventata nel 1889, anche se questo piatto è circondato da parecchi misteri. Pare che fu Raffaele Esposito il primo pizzaiolo al mondo. Lavorava alla pizzeria Brandi. In quel periodo, Margherita di Savoia stava visitando Napoli. A lei si deve il nome della pizza più famosa al mondo: la margherita! Tuttavia, ultimamente si è avanzata l’ipotesi che la pizza possa assomigliare al noto fiore…
  • Friarielli: li potete acquistare anche al nord Italia, ma ovviamente il loro posto di origine rimane la Campania. Pare che il termine sia legato alla parola frijere, friggere. E, in effetti, i friarielli vanno saltati in padella con un filo di olio, aglio e peperoncino. Sono a dir poco favolosi. Vengono serviti insieme alle salsicce o con la pasta;

Le origini del Babà: Francia e Polonia si contendono il titolo, ma a Napoli è stato migliorato

  • Babà: cosa dire? Seppure le origini di questo cibo paradisiaco possano essere legate anche alla Polonia, il babà è uno dei simboli di Napoli. Anche la Francia avanza l’ipotesi che il babà sia stato inventato da loro. Tuttavia, il dolce appartiene di diritto alla tradizione napoletana, perché durante l’800 assunse le sembianze con cui lo conosciamo oggi;
  • Frittata ‘e maccheroni: a Napoli spetta di diritto il primato della pasta a grano duro. Tutt’oggi, i migliori pastifici si trovano proprio nel suo territorio. Questo piatto, in cui solitamente per la sua preparazione si utilizzato gli spaghetti, è molto famoso. Deriva dagli avanzi del giorno prima. Infatti, tra gli ingredienti troviamo pasta avanzata, salame, formaggio e uova.
  • Pasta fagioli e cozze: se vi sembra un accostamento azzardato, vi sbagliate. Probabilmente, quando assaggerete questo piatto, farete il bis. La pasta viene cotta nei fagioli, perché non deve assumere sembianze brodose. Insieme alle cozze, il sapore è molto deciso e gustoso. Nelle trattorie del centro è spesso la proposta del giorno.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento