fbpx
Home > Esplorare > Diario > Benevento > Cosa mangiare a Benevento

Cosa mangiare a Benevento

cosa mangiare benevento

In Campania si mangia in modo impeccabile ed è cosa nota a tutti: i turisti di tutto il mondo prendono d’assalto la regione e i piatti campani vengono esportati per celebrare la loro eccellenza. La pizza è, probabilmente, il piatto più famoso in tutto il mondo, e ogni paese l’ha resa parte integrante della sua cultura.

Piatti tipici della tradizione sannita

Simbolo di italianità, fascino e mistero, la pizza non è l’unico piatto in Campania che vi farà perdere la testa. Oggi vogliamo parlarvi di Benevento; tutt’oggi, ci si riferisce alla sua cucina con il termine “sannita”, per l’importanza che ebbe questo popolo nel capoluogo.

La cucina sannita è prevalentemente composta di prodotti tipici e naturali, raccolti nel territorio. Molti di questi piatti hanno subito delle rivisitazioni nel corso dei secoli; erano tramandati dalle madri alle figlie che un giorno avrebbero dovuto occuparsi della casa.

Ogni ricetta sannita presenta un sapore particolare, che difficilmente ritroviamo in altri tipi di cucine. Benevento, dopotutto, ha subito l’invasione da parte di molti popoli, come i longobardi, i romani, ma i sanniti hanno lasciato un’impronta decisiva, un po’ come fu per la Sicilia con gli arabi.

Che cosa mangiare a Benevento?

Se siete di passaggio a Benevento, avrete l’occasione di assaggiare molti primi piatti, che richiedevano nei tempi passati una veloce preparazione e davano molta sostanza soprattutto a coloro che si occupavano dei campi.

Possiamo affermare che la cucina sannita è quasi una cucina chimica: ogni passaggio deve essere eseguito alla perfezione, ogni ingrediente prevede una giusta dose, senza la quale il piatto non risulterebbe così buono.

La cucina è tipicamente familiare. Partiamo dalla famosissima Minestra Maritata, che nella variante di Benevento presenta prosciutto di Pietraroja, le cotiche salate, il lardo e il peperoncino. È un piatto delle feste, ma non solo: le trattorie del centro lo offrono come primo piatto soprattutto in inverno.

Pasta fatta in casa e Caciocavallo: due prelibatezze

Passiamo ai famosissimi fusilli, che vengono fatti rigorosamente a mano, grazie all’ausilio del fuso: sono conditi con il ragù, e non è quello alla bolognese. Il ragù sannita prevede sugo di passato di pomodori, braciole di carne e pecorino di Vitulano. Molto buone anche la pasta con i cavolfiori o la lasagna con i ceci, una variante che vi delizierà.

Tra i secondi, il piatto più celebre è l’Ammugliatielli, ovvero le interiora d’agnello condite con vari aromi e spezie. Tra le prelibatezze con cui accompagnare la carne, possiamo citare:

  • Peperoni fritti o imbottiti;
  • Funghi porcini di Cusano Mutri;
  • Carciofi fritti di Pietralcina.

Impossibile da non citare è il Caciocavallo Silano D.O.P., che ha un sapore dolce o piccante in base alla sua maturazione. Patria di formaggi, di carne e di primi e minestre gustose, Benevento, ne siamo certi, non vi deluderà.

Aggiratevi per il centro della città: le numerose trattorie presenti offrono prodotti di un certo spessore. Ogni ingrediente è fresco, appena raccolto o pescato. Ordinate un piatto di Cecatielli e Pazzarielli, pasta tipica sannita fatta a mano. Non ve ne pentirete.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento