Pulcinella

0

L’origine della maschera tradizionale partenopea è lontana ed incerta così pure il significato del suo nome.

C’è chi lo vuole discendere da ‘ Pulcinello ‘ cioè piccolo pulcino per via del suo naso adunco, chi invece propende per ‘ Puccio d’Aniello ‘ un villano di Acerra del ‘600 che dopo aver preso in giro una compagnia di commedianti girovaghi si unì a loro come buffone.

La maschera di Pulcinella ha la sua variante francese in ‘ Polichinelle ‘ , un fanfarone gradasso con doppia gobba e un vestito vistoso e una inglese con ‘ Punch ‘ dall’ umore malinconico e brutale.

Esiste un momento centrale ed illuminante, nella storia dei rapporti fra Pulcinella e Napoli, fra Pulcinella ed il teatro ed, in particolare, fra Pulcinella e l’attore : esso coincide con la fine del ‘600 e l’inizio del ‘700, allorché la storia dello spettacolo a Napoli si fa suggestiva misura della storia stessa della città e della sua vita culturale. Vi fiorisce un teatro di prosa dialettale, espressione di una straordinaria attenzione alla lingua ed al costume. Vi nasce una ricca e fertile generazione di teatranti: teorici, drammaturghi e commediografi, librettisti, musicisti, attori e cantanti, impresari. Inoltre, si rinnovano le strutture cittadine di spettacolo: si apre il San Carlo e, all’estremo opposto del consumo sociale del teatro, il non meno nobile San Carlino e si afferma la commedia in musica, detta opera buffa, capace di espandersi ed affermarsi per l’intera Europa con caratteri che hanno fatto pensare addirittura ad una ‘ scuola musicale napoletana ‘.

Il teatro rinasce, dopo esaltanti esperienze della commedia dell’arte praticata trionfalmente in Europa per tutto il ‘600 ed in questa prima metà del ‘700. La maschera ha rappresentato e rappresenta tuttora la ‘ plebe napoletana ‘ da sempre oppressa dai vari potenti che si sono succeduti, affamata e volgare, smargiassa, codarda e dissacrante. Molti attori hanno impersonato sulla scena il personaggio di Pulcinella ma il più famoso di tutti è stato Antonio Petito trionfatore sul palcoscenico del San Carlino che, nonostante fosse quasi analfabeta, scrisse alcune commedie di grande successo che avevano come protagonista lo stesso Pulcinella.

Fonte: http://digilander.libero.it/leggendeitaliane/leggende/campania/Pulcinella.htm

0
0
28 febbraio 2011 |

Lascia un commento

© 2016 Turismo Campano: Consigli su dove mangiare, dove dormire e luoghi da visitare in Campania. @

Campania International Travel: ITA | ENG | ESP
WordPress Directory Theme

Classified Ads Software

Vai alla barra degli strumenti