Pasqua in Campania…luoghi e tradizioni da non perdere!

0

La Campania e le sue antiche tradizioni, tra riti e ottimo cibo!

Aprile, il mese dei colori, della rinascita primaverile dal letargo invernale. Forse per questo c’è chi vuole far derivare il nome dal latino aperire, cioè aprire, con chiaro riferimento allo sbocciare, allo schiudersi di fiori e piante.

Rinascita della natura, dunque, ma anche Resurrezione del nostro Signore. E sì, in questo mese si celebrerà la più importante ricorrenza della religione cristiana, la Pasqua.  E tanti sono i riti e le tradizioni popolari che in Campania si rispettano durante questo periodo. Oltre alle canoniche celebrazioni sacre, sono numerosissime infatti le usanze tipiche del nostro territorio tramandate di generazione in generazione in occasione della settimana Santa.

E allora trascorriamo gli ultimi giorni di Quaresima tra le province della nostra regione, scoprendone curiosità, usi e folklore.

Il primo appuntamento è quello della Domenica delle Palme, detta anche Domenica della Passione del Signore. È la domenica precedente alla Santa Pasqua e si celebra il trionfale ingresso di Gesù a Gerusalemme, accolto dalla folla festante che agita rami di palma, simbolo di acclamazione e regalità. Data la scarsa reperibilità delle palme, in Campania, così come nel resto d’Italia, si è soliti usare rametti di ulivo, che vengono benedetti dal sacerdote durante la celebrazione liturgica e poi utilizzati dal capofamiglia nel giorno di Pasqua per benedire a sua volta la tavola imbandita. A Sorrento c’è chi ancora oggi conserva la tradizione di addobbare i rametti di ulivo con fiorellini di carta pesta e piccoli caciocavallo per consumarli dopo la benedizione.

I primi giorni della settimana sono dedicati alla preparazione dei dolci, e in ogni famiglia campana che si rispetti non può mancare la pastiera cotta in forno (a base di ricotta, uova, pasta, lardo, frutta candida, grano duro, vaniglia). L’origine di questo dolce è antichissima, risale addirittura a tradizioni pagane, celebranti il ritorno della primavera. Non tutti sanno che la versione che ritroviamo sulle nostre tavole è stata ideata dalle monache del Monastero di San Gregorio Armeno che vollero collegare il profumo delle arance del proprio giardino agli altri ingredienti simbolo di nuova vita.  Altra specialità tipica è il Casatiello: si tratta stavolta di una torta salata la cui forma tonda simboleggia la corona di spine alla quale fu costretto Gesù. Anche le uova, simbolo della resurrezione di Cristo, che rinasce come un pulcino, inserite con l’intero guscio, a metà tra l’impasto e l’esterno, sono ricoperte da una croce di pasta per ricordare il martirio. Tra le numerose varianti dolci del casatiello rustico la più misteriosa è quella tipica dell’isola di Procida: ogni famiglia, infatti, custodisce una ricetta antica e tradizionale che si tramanda di padre in figlio e non viene rivelata a nessun altro.

Foto: Milena, lettrice di turismocampano.it

L a fine della Quaresima è segnata dalla celebrazione dell’ora nona del Giovedì Santo. A questo giorno è collegata la tradizione dello struscio a via Toledo. Essa prende vita dal rito della visita ai ‘Sepolcri’, allestiti nelle chiese di tutte le città per conservare con la dovuta solennità la Santissima Eucarestia, istituita da Gesù durante l’ultima Cena. Il numero delle chiese da visitare deve essere sempre in numero dispari, generalmente tra 5 e 7, e a Napoli nel ‘700 le più importanti si trovavano lungo il tragitto che va da Via Toledo fino a Piazza del Plebiscito. Ciò indusse il re Ferdinando a varare un bando per vietare la circolazione di carrozze, carri e cavalli in questa zona, letteralmente presa d’assalto dai fedeli. Dal rumore delle suole delle scarpe e dello strusciarsi degli abiti provocato dall’immensa folla, che si muoveva lentamente, deriva appunto lo struscio.

Le processioni del Venerdì Santo sono molto sentite in Campania. Si tratta di una tradizione forse importata dalla Spagna e che rievoca la Passione di Cristo attraverso dei cerimoniali, detti “misteri”, che si snodano per le vie cittadine tra fiaccolate, penitenti incappucciati, struggenti melodie sacre e rappresentazioni simboliche. Tra le manifestazioni più importanti ricordiamo: la Processione Bianca e la Processione Nera a Sorrento, quella delle Croci e dei Paputi nel piccolo borgo medievale di Terravecchia di Sarno, il Corteo storico di Acerra, la  rappresentazione della Passione a Gesualdo, la processione dei battenti a Minori e quella dei Misteri in cartapesta a Sessa Aurunca.

Solo in alcuni borghi campani è conservata l’usanza della benedizione dell’acqua e del fuoco effettuata dal sacerdote alla fine della messa del Sabato Santo, mentre è comune a tutti l’apoteosi e il giubilo della Domenica di Pasqua, manifestata, dopo la celebrazione liturgica, in tutte le case soprattutto con abbondanti pranzi, ricchi di specialità.

E, per concludere, tradizione vuole che il lunedì di Pasquetta sia dedicato alla scampagnata per divertirsi tra grigliate all’aperto e passeggiate rilassanti. E in quanto a luoghi incantevoli in grado di soddisfare tutte le esigenze, la Campania offre l’imbarazzo della scelta, rimandiamo per questo al nostro precedente articolo sulla Primavera.

Buone festività dallo Staff di TurismoCampano.it

 

0
0
8 aprile 2017 |

Lascia un commento

© 2017 Turismo Campano: Consigli su dove mangiare, dove dormire e luoghi da visitare in Campania. @

Campania International Travel: ITA
WordPress Directory Theme

Classified Ads Software

Vai alla barra degli strumenti