Porto Marina_Grande Sorrento

Sorrento visita guidata


0 recensioni

Aggiungi ai preferiti Contatta Proprietario

Contatta Proprietario


Situata su un grande terrazzamento di tufo a picco sul mare, Sorrento è un’antica località residenziale di fama internazionale che si estende da Castellammare a Punta Campanella, come spartiacque tra il Golfo di Napoli e Salerno.

Sorrento è una località piacevole in ogni stagione grazie al suo clima mite. L’origine del nome deriva probabilmente dalsurreo, che si riferisce alla topografia della città, circondata da valli scavate nel tufo a causa dell’azione erosiva dell’acqua piovana che scorre verso il mare, ma la leggenda fa riferimento anche al mito delle sirene che tentarono di affascinare i marinai, tra cui Ulisse.

La fama turistica di questi luoghi è nata nel 800 , ma la sua storia ha radici molto antiche. L’ origine della città risale intorno al VI secolo a.C., quando Liparo , figlio del re di Ausoni in Opicia, di ritorno dalle Isole Eolie, si stabilì in questo luogo.
Sorrento entrò nella sfera di egemonia romana dalla Lega Nucerina. Più volte si schierò contro Roma, come nella seconda guerra punica e nella guerra sociale. Non fu completamente distrutta da Silla e divenne una colonia di veterani che costruirono numerose ville lungo la costa.
Durante l’era repubblicana Sorrento divenne municipium e fu scelta dai romani come meta di vacanza.
Dopo il dominio dei Goti nel 552 fu conquistata dai Bizantini nel ducato di Napoli fino al IX secolo.
Come narra la leggenda, Sorrento fu assediata da Sicardo, principe di Benevento, ma si salvò grazie alll’intervento di S. Antonino, che in seguito divenne patrono della città.
Riuscì a mantenere l’assedio dei Saraceni e dei vari attacchi di Amalfi e Pisa, e nonostante le numerose lotte tra il popolo e nobili non riuscì a diventare un feudo libero dagli Angioini. Tra il XV e il XVI secolo visse un periodo difficile a causa dell’invasione degli spagnoli, i continui attacchi saraceni e le lotte con la vicina città di Vico Equense. Uno degli assedi più amari accadde la notte tra il 12 e il 13 giugno 1558, quando , attraverso la spiaggia del Cantone di Sorrento, i turchi entrarono nella città e la saccheggiarono completamente, uccidendo e schiavizzando la maggior parte degli abitanti. Da allora numerose torri di avvistamento furono costruite, alcune delle quali oggi sono ruderi o sono state riutilizzate per altri scopi.
Durante la rivolta di Masaniello nel 1648 subì molti attacchi a causa della sua fedeltà al governo spagnolo e si unì alla Repubblica Partenopea nel 1799 e dopo essere stato teatro di scontri tra repubblicani e Borbone fu in grado di avere la sua indipendenza e diventare un luogo ricercato e tranquillo.

0
0

CONDIVIDI


Contatta Proprietario

Contatta Proprietario

Aggiungi una recensione

Devi accedere o registrarti per aggiungere una recensione.

© 2016 Turismo Campano: Vacanze per visitare e vivere la Campania. @

Campania International Travel: ITA | ENG | ESP
WordPress Directory Theme

Classified Ads Software

Vai alla barra degli strumenti